Arredatore d’interni Milano

Arredatore d'interni Milano
Arredatore d'interni Milano
Arredatore d'interni Milano

Cosa fa un arredatore d’interni? Combina design estetico e funzionalità nell’arredamento di ambienti. Non ha un ambito lavorativo specifico: può prestare la sua opera sia per un’abitazione, sia per un hotel, sia per un aeroporto o un ospedale. La combinazione di estetica e funzionalità è indispensabile in ogni ambito architettonico. Di architettura l’arredatore d’interni deve essere esperto, così come deve conoscere bene i materiali edili e i regolamenti edilizi: non è una professione da svolgere in maniera semplicistica; essa pretende professionalità, conoscenza e buon gusto.

Certo vi sono specializzazioni interne alla professione generale: si può rivolgere la propria competenza verso l’arredamento di abitazioni private, oppure si può preferire ed essere specializzati nell’occuparsi di alberghi o addirittura di ospedali o stazioni ferroviarie: di comune ci sarà sempre la competenza e la professionalità. Da non confondere con i decoratori d’interni che si occupano di valorizzare attraverso mobili e/o opere di rifinitura quali la scelta del colore, immobili privati o commerciali.

Arredatore d’interni: compiti principali

Vediamo nella pratica quali sono i compiti principali di un arredatore d’interni

  1. Capire quali sono le esigenze e le preferenze del cliente e considerare lo spazio su cui lavorare.
  2. Indirizzare il cliente verso la giusta scelta di colori, materiali e arredamento da utilizzare.
  3. Seguire il lavoro dalla fase di progettazione di massima fino al termine degli stessi.
  4. Dare corpo alle preferenze del cliente, rimanendo sempre fedele al budget indicato.
  5. Ottimizzare tutti gli spazi che gli vengono affidati, combinando stile e funzionalità
  6. Rapportarsi con eventuali direttori di lavori e fare da tramite tra i fornitori e il cliente.

Occuparsi di ogni singolo aspetto, anche burocratico, rispetto all’incarico che gli è stato affidato.

Questi gli aspetti quotidiani del lavoro di arredatore d’interni. Ma non è solo questo: sarebbe riduttivo. E’ il professionista che più di ogni altro aiuta a realizzare un sogno, un desiderio specie quando si tratta della casa in cui il cliente andrà ad abitare: bisogna che il professionista sia stato in grado di farlo sentire a proprio agio, come se quegli ambienti fossero sempre stati lì proprio per lui.

Non è cosa semplice. Ma chi interpella un arredatore d’interni? A volte il committente direttamente, a volte è lo studio di progettazione dell’abitazione che si avvale dei suoi servigi.

Milano: città di stile

Che Milano sia una delle capitali dello stile è riconosciuto; che tutto quello che è novità, moda, design nel capoluogo lombardo cresce e si sviluppo è risaputo; per cui nessuna meraviglia se l’arredatore d’interni a Milano è una professione tenuta in grande considerazione dagli studi di progettazione come da clienti privati.

Tra gli studi che si sono distinti negli ultimi anni Bollini è certamente tra i più noti e apprezzati nell’ambiente milanese del design e dell’arredamento d’interni. Lo studio prende per mano i propri clienti regalandogli proprio quella realizzazione dei desideri di cui si diceva prima. A cominciare dal primo approccio con il cliente, per proseguire  guidandolo attraverso materiali, colori, mobili, questo studio di professionisti riesco a svelare la vera anima di una casa, di un ambiente, anche solo di una stanza.