Studio interior design Milano

Studio interior design Milano
Studi architettura Milano

La  professione del Designer interior ha avuto negli ultimi decenni una crescita esponenziale tale, da convincere prestigiose Università a creare corsi universitari specifici, come ad esempio il Politecnico di Milano. La definizione è recente, come anche le competenze diventate via via sempre più importanti nella realizzazione di edifici e nella creazione di spazi. Ciò che prima era solo decorazione, completamente distinta dall’architettura, è oggi una professione che completa quella di edificazione e di architettura nel senso stretto della parola: il decoratore si occupava di abbellire gli interni di un edificio, per lo più privato; l’interior design si fa carico della razionalizzazione e dell’uso degli spazi.

Competenze dell’interior design

Diverse le competenze dell’interior design e diversi i campi in cui intervenire: occupandosi di sfruttare gli spazi, può intervenire nella ristrutturazione di edifici esistenti, di rimodellare vecchi spazi, di crearne di nuovi. La sua professione non si limita all’ambiente privato, ma spazia indifferentemente da un hotel ad un ufficio pubblico, da un parco ad una villa, con l’unico obiettivo di rendere lo spazio che gli è stato affidato vivibile e sostenibile per i fruitori di esso. Non si tratta solo di piazzare qualche mobile o di scegliere la carta da parati adatta, ma di modellare un ambiente che dia la piacevole sensazione di stare bene in un determinato luogo, sia esso una stanza, un albergo un giardino.

Si capisce bene che è una professione delicata con mille sfaccettature, tante quante possono essere le esigenze e i desideri di chi commissiona: non solo tecnico dell’ambiente ma anche realizzatore di sogni.  Cominciando con l’analizzare gli spazi che gli vengono affidati, l’interior design ridisegna luoghi, colori, luci, arredi affinché tra chi ne fruisce e l’ambiente nasca un feeling speciale, personale, soddisfacente.

Non ha importanza se lo spazio sarà abitato per un giorno o per sempre, l’importante sarà sempre aver realizzato un posto dove sentirsi “a casa”.

Ma non è tutto qui: l’interior design che sia professionalmente capace, che abbia conoscenze e cultura tecnica e organizzativa può anche fare da comprimario in showroom di arredamenti, come in studi di architettura o di progettazione:  gli sbocchi sono tanti, specie se si opera in una metropoli come Milano. La città lombarda ha fatto da decenni, ormai, del design uno vero e proprio stile di vita. Operare come interior design a Milano è quanto di più soddisfacente si possa ottenere dal punto di vista professionale per chi esercita questa professione.

La “Milano da bere” sa ben apprezzare chi determina lo stile, chi si adopera nel rendere speciale luoghi e spazi a volte troppo convenzionali. Non è un caso che, negli ultimi anni, eventi mondani e culturali hanno richiesto l’intervento dell’interior design, proprio qui, nella capitale economica del paese, dove alla praticità si è sempre accompagnato lo stile, il design, rendendola  una città dal respiro internazionale.

Non vi è posto migliore per uno studio di interior design di Milano, proprio per la sua vitalità e la voglia di novità che la pervade e che offre l’occasione idee nuove, per proposte che riescano a modellare la vita quotidiana rendendola un poco meno opaca. Studio interior a Milano significa connettersi con la modernità della città senza abbandonarne lo spirito che la pervade.

Studio di architettura Milano

Se il resto del paese deve allo studio di architettura molto, Milano sicuramente gli deve  l’impulso al  cambiamento e alla modernizzazione che, dal primo dopoguerra ad oggi, ne ha fatto la città che conosciamo, una delle capitali economiche d’Europa,  capitale di stile e veicolo del Made in Italy. Uno studio di architettura a Milano deve essere la continuità dei grandi studi del passato, deve essere la continuità del buon gusto e della professionalità legati alla funzionalità delle proprie creazioni: è la vetrina internazionale per eccellenza  e non si può essere da meno.